Laboriosa la costruzione della Chiesa di Santa Veneranda, iniziata verso il 1650 e finita verso il 1788. Sempre la famiglia Gagini è presente nelle opere di rilievo dei templi di Mazara. Lo scultoreo portale, il frontone arabescato, l’architettonico balcone, le nicchie, le statue e gli slanciati campanili di Santa Veneranda danno una precisa idea dei talenti del tempo: artisti ed artigiani. Notevole il patrimonio pittorico, fra cui il quadrone dello Spasimo di ignoto autore, e molte tele di affermati pittori siciliani del ‘600 e ‘700. Un bagno di luce accoglie il visitatore: le bianche pareti, semplici e austere, del tardo cinquecento sono la traccia per la serenità dello spirito, simbolo di pace, conforto e speranza.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Change Language

Italian English French German Spanish

Prossimi Eventi

Nessun evento